Articoli

Il toro, la luna e le api.

“Che un re potesse chiamarsi Vitello, che la luna per i suoi crescenti fosse un torello, che le api nascessero dai tori, che per questo motivo la luna potesse chiamarsi, come l’ape, Melissa, la dispensatrice del miele, che dal sangue dei tori nascessero le spighe: queste ed altre come queste erano le opinioni correnti dei pastori d’Aspromonte in tempi remotissimi”.

Pare che sulle antiche montagne calabresi, in un’epoca antica e perduta, vivesse un saggio re di nome Italo, di cui ci riferisce perfino Aristotele. Il suo regno comprendeva l’estremo Appennino meridionale, tra l’istmo di Catanzaro e l’Aspromonte.
Il re Italo governò per lungo tempo le tribù di pastori che vivevano nel suo regno e, mille anni dopo, di questo mitico re e della sua gente non rimasero che delle storie. Ma del suo nome i colonizzatori greci si servirono per contrassegnare in Magna Grecia la loro presenza: si fecero chiamare, infatti, Italioti.
A quanto si dice, però, il vero nome di Italo era Vitalos, un termine usato dai latini per indicare il toro da monta.
Residui di questa antica epoca si trovano ancora nei termini toponomastici calabresi che richiamano il nome del toro, tra questi: Gioia Tauro, Metauro (il fiume Petrace), Taureana (antica città), Taurianova.

Il toro era un animale che ricopriva un posto di grande rispetto nella vita degli antichi popoli della Calabria, i quali avevano lo avevano associato ad alcune credenze singolari. Per le sue corna dalla forma inconfondibile, esso era associato alla luna. La dea luna Ecate di quegli antichi popoli fu a sua volta un torello, simbolo di rigenerazione.

Altra associazione interessante fu quella tra il toro e le api. Queste erano chiamate anticamente con il nome di Apis, il quale era anche un termine per indicare il toro. Tale nome nell’antica lingua mediterranea sembra volesse indicare un essere senza consistenza. Le api, infatti, erano considerate senza sangue né sesso, prive di respiro, e generate semplicemente dalle carcasse dei tori e degli animali vaccini in generale, per generazione spontanea.

Siccome la luna era un torello, fu chiamata Melissa, come l’ape.

Si racconta, poi, che in Aspromonte, all’inizio dell’ultimo millennio, il pastore Italiano (questo era il suo nome), avendo perso il suo torello, lo andava cercando per tutta la montagna. Lo trovò sotto il monte Cannàvi, inginocchiato ad adorare una croce infissa nel terreno. In quel momento apparve la Madonna che espresse la volontà di vedere costruito proprio in quel luogo un santuario a lei dedicato. Nacque così il santuario di Polsi.

Questa leggenda molto probabilmente sta ad indicare l’azione dei monaci Basiliani (costruttori del santuario) nell’estirpare da quei territori il culto del toro, sostituendolo con quello mariano.
Solo la montagna può raccontare cosa sia accaduto davvero in quei tempi remoti tra i suoi boschi selvaggi.

 


Questi racconti, così come la citazione iniziale, sono tratti dal libro “Zomaro, la montagna dei Sette Popoli”, di Domenico Raso.

Scritto da Nadia D’Apa 😉

Giosué film composer da Vibo Valentia a Los Angeles

Ciao Hub Calabria,
mi chiamo Giosué e sono musicista, film composer/producer a Los Angeles.

Il mio percorso ha avuto inizio in Calabria
Quasi subito dopo essermi diplomato al conservatorio di Vibo Valentia, ho seguito un seminario di musica jazz chiamato Umbria Jazz durante il quale sono stato selezionato per ricevere una borsa di studio valida per frequentare il Berklee College Of Music. Inizialmente non avevo intenzione di completare l’intero corso di studi, ma dopo aver vissuto qualche mese a Boston, mi sono reso conto che il College aveva molto da offrire al di là del programma di musica jazz.

Sono quindi stato accettato nella facoltà di Music Production and Engineering e ho terminato gli studi nel 2014.

Subito dopo la laurea mi sono spostato a Los Angeles per lavorare come Freelancer nel campo dell’audio. Da pochi anni a questa parte ho iniziato a lavorare al fianco del compositore e produttore Dan Romer, esperienza attraverso la quale ho avuto la possibilità di scrivere musica per numerosi progetti, come, ad esempio, la colonna sonora del videogioco Far Cry 5, e per la serie televisiva The Good Doctor, in onda su ABC.

Una delle difficoltà più grandi che ho avuto durante i primi anni della mia esperienza negli Stati Uniti è stata la scarsa conoscenza della lingua inglese. Ero capace di leggere e comunicare decentemente ma avevo pochissima dimestichezza nella comunicazione verbale informale. Noto, con piacere, che le nuove generazioni di italiani parlano Inglese molto bene, ma inviterei tutte le persone intenzionate a spostarsi in America a prendere dimestichezza nel parlato quanto prima possibile.

Prima di partire
In Calabria, prima di partire, ho tenuto due corsi presso due Istituti Superiori della mia zona; Il primo presso l’ITIS di Polistena, incentrato sul jazz e più in generale sul concetto di improvvisazione in musica, il secondo è stato un interessante seminario di due giorni sulle tecnologie musicali e sulla produzione, che ho tenuto presso il Liceo Pedagogico Musicale di Cinquefrondi, liceo umanistico dal quale mi sono diplomato. In entrambi i casi sono stato molto sorpreso dalla recettività e preparazione dei ragazzi: in molti sembravano avere una buona familiarità con il mio mestiere e alcuni avevano già conoscenze tecniche che francamente io non possedevo alla loro età. Mi piacerebbe poter ripetere questo genere di incontri in un futuro prossimo.

Mi piacerebbe
Mi piacerebbe essere in grado di tornare in Calabria per poter costruire qualcosa di nuovo, ad esempio una scuola ad indirizzo puramente tecnologico-musicale, che abbia uno sbocco lavorativo reale, un programma intensivo e all’avanguardia, accessibile solo a studenti seriamente intenzionati a perseguire la strada artistica professionale in un setting globale.

Al momento non vedo come sia possibile generare lavoro in questo settore in un territorio che, nonostante numerose iniziative mirate a valorizzare gli artisti locali, non conosce il business dell’arte e dell’intrattenimento.
Con questo non voglio dire che non ci sia cultura, o che non ci siano artisti calabresi brillanti, semplicemente, questi artisti fanno spesso fatica a trovare il modo di monetizzare, e quindi a supportare la propria arte generando un introito dignitoso per vivere.

Il mio messaggio per i giovani Calabresi è in realtà un consiglio datomi da mio Padre tanti anni fa. Traducendo dal dialetto:

“Noi Calabresi abbiamo solo la testa”.

Per ragioni storiche note ai più, la nostra Regione (e il Meridione in generale) non è ricca di risorse o opportunità. La nostra unica vera risorsa è, infatti, usare la testa.

Grazie.

Ciao! 🙂


Se hai domande per Giosué contattaci su Messenger o manda una email ad hubcalabria@gmail.com.

Emilia giovane ingegnere gestionale: lavorare in Calabria non è un’utopia.

Ciao a tutti!
Mi chiamo Emilia, sono laureata in Ingegneria Gestionale ed ora sono responsabile del reparto amministrativo dell’azienda di famiglia.

Crederete sicuramente che io non abbia mai pensato di andare via dalla Calabria, ma non è così.
Sono proprio questi pregiudizi delle persone che ti credono la classica “figlia di papà con la strada già spianata” che mi hanno fatto tentare di andare via dalla mia amata Cosenza. Dopo i primi due anni all’Unical, infatti, chiesi il trasferimento all’Alma Mater Studiorum di Bologna, dove mi convalidarono tutti gli esami fatti, nonostante delle differenze di punti di credito e programma. Volevo vedere come avrei vissuto al di fuori del mio “orticello”.

Mi mancava la mia Calabria, bella come il sole, che più si va a nord meno brilla, mi mancava la mia casa, la mia famiglia, i miei amici. Mi mancava quel calore che, diciamocelo, noi Calabresi portiamo tutti nel cuore.

Dicono che qui in Calabria non funzioni nulla, e su questo voglio dire la mia. Durante i corsi mi resi conto del perché tutti i miei esami erano stati convalidati nonostante le differenze. Molte cose che io conoscevo sin dai primi esami, che per me ormai erano quasi scontate, per i miei colleghi erano novità. Inoltre, non pensate che solo all’Unical ogni tanto non si sa quando si deve fare un esame se non tre giorni prima o che si va a lezione e non c’è lezione, capita anche a Bologna. Perciò non disprezziamo inutilmente la nostra Calabria! Se non uscissero laureati veramente preparati dal nostro Ateneo, nessuno avrebbe trovato lavoro all’estero.

Ma, tornando a me, persi quell’anno e decisi di rientrare. Terminai gli studi ed entrai nell’azienda di famiglia. Dovetti scontrarmi con quei pregiudizi che odiavo. Iniziare a lavorare con chi conosce i tuoi genitori da quando erano ancora single e vi assicuro che non è poi tanto “avere la strada spianata”.
Il primo mese io e la fotocopiatrice eravamo amici inseparabili!

Mio padre mi disse che dovevo dimostrare da sola quanto valevo. Solo così avrei ottenuto rispetto.
Piano piano, con umiltà e buona volontà, prendendo più umiliazioni di quante fossero necessarie e buttandomi anima e corpo in un lavoro per il quale non avevo neanche studiato, iniziai a guadagnarmi la stima di qualcuno di quelli che io chiamo “vecchia guardia”.
Pensai: “ecco il vero problema, non esiste ricambio generazionale qui”. Si, perché se il Calabrese medio ha un difetto è quello di essere troppo geloso delle proprie cose, forse per paura di perdere quel raro posto di lavoro che è suo da anni, e non intende cedere qualcosa ad altri. O almeno questo è il difetto di chi lavora nella mia azienda!

Eppure, ecco il rovescio della medaglia. Quando cercavo qualcuno per affiancarmi, non ho trovato se non prima di un anno, poiché molti giovani, dopo la laurea, partono già rassegnati. Non ho mai ricevuto un curriculum di qualcuno sotto i 40 anni, che si sia presentato di sua spontanea volontà qui in azienda a cercare lavoro.
Ai giovani quindi dico:

“andate in giro, presentatevi, bussate alle porte dei privati. Su 100 porte alle quali busserete, forse 99 vi saranno sbattute in faccia, forse tutte e 100, ma insistendo e cercando il dialogo una vi sarà aperta”.

Perché, infondo, lavorare in Calabria non è un’utopia. E, se pensate che io non sia un esempio, vi dirò che alla fine delle mie ricerche ciò che ho trovato è una giovane ragazza di 19 anni, fresca di Ragioneria, che ha avuto il coraggio di venire a bussare alla nostra porta e di mettersi in gioco, così come tutti quei clienti giovani che ho conosciuto in questi anni e che sono riusciti con molti sacrifici ad avviare qui una loro azienda.


Grazie Emilia 🙂

Raccontaci la tua storia! Invia una email all’indirizzo hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger.
Segui la pagina Facebook per entrare a far parte della community dei giovani calabresi.mi-piace