Giuseppe e Alteredu, la startup che offre formazione ai giovani

Ciao Hub Calabria,

sono Giuseppe, vengo da Corigliano Calabro e ho 30 anni.

Dopo la laurea in Ingegneria Informatica all’Unical, mi sono trasferito a Roma per lavorare in una delle più grandi società di servizi italiana.

Successivamente, per aiutare la Calabria che tanto aveva dato per la mia formazione, ho deciso di fondare, insieme ad altri due amici, la startup Alteredu, per offrire formazione e certificazioni online ai giovani calabresi e italiani.

Alteredu mi ha portato in giro per l’Europa, in particolare sono stato scelto per un percorso di accelerazione startup in Spagna per 6 mesi, concluso lo scorso Marzo.

La Calabria ha tante potenzialità e tanti punti di debolezza che, però, se ben sfruttati potrebbero rappresentare una grande opportunità per i giovani calabresi.

La cosa che manca è la possibilità di confrontarsi attivamente con persone skillate ed esperte. Ovviamente con questo non voglio dire che non ci siano, ma rispetto a realtà come Milano o altre città europee c’è sicuramente una differenza sostanziale.

E’ chiaro che in Calabria non si hanno le stesse opportunità e confronti rispetto a chi vive attivamente gli hub fisici delle grandi città. Proprio da questo, però, è possibile trarne un vantaggio: diventare noi stessi, giovani con voglia di fare e che hanno deciso di restare in Calabria, i precursori e gli innovatori della nostra regione: sarebbe bello creare un movimento per allinearci alla stessa velocità di apprendimento e innovazione delle altre città italiane e europee. Un po’ quello che con Hub Calabria state egregiamente facendo.

La nostra è una terra meravigliosa, piena non solo di paesaggi incantevoli ma anche di gente meravigliosa. Proprio la gente però, con il carattere forte, testardo e deciso che ci contraddistingue, è poco avvezza al cambiamento. Questo, alla lunga, può stancare chi invece ha una visione innovativa e si trova spesso e volentieri a scontrarsi con chi la pensa un po’ “all’antica”.

Però ho notato che molti nostri coetanei stanno creando o portando avanti imprese ereditate dai genitori in una maniera nuova ed innovativa, cosa che mi rende orgoglioso e mi fa ben sperare per il futuro.

Per quanto riguarda l’università in Calabria e come questa ci prepara al mondo del lavoro, al mercato, direi che io sono un caso a parte. Nel senso che, avendo studiato ingegneria informatica, avere a che fare con i clienti e il mercato non è di certo la priorità, giustamente. Però tutto quello che non ho imparato all’università l’ho imparato sul campo: errori dopo errori, esperienze dopo esperienze, si riesce sempre di più a migliorare e venirne fuori egregiamente. Stesso discorso per quanto riguarda le competenze plurime: io sono un tipo che dà più importanza al pratico che al teorico: solo se ci sbatti la testa e capisci come poter uscire fuori dal problema in cui ti trovi acquisisci le competenze che ti permetteranno di crescere. Ovviamente, senza la base di teoria e mindset non vai da nessuna parte: da questo punto di vista l’università, e ingegneria in particolare, ti forniscono il mindset giusto per affrontare i problemi una volta finito il percorso di studi.

Il suggerimento più importante che posso dare è: studiare, studiare, studiare. Sembra una banalità, ma lo studio non finisce con la laurea. Gli studi vanno ben oltre e se si vuole essere competitivi non bisogna mai smettere di studiare e imparare. Testate, fate errori, imparate da quelli e reiterate. Solo così si può crescere.

Non esiste una ricetta magica per farcela subito, ma bisogna per forza di cosa passare per i lati negativi. Nella mia esperienza sicuramente mi avrebbe dato una spinta in più se qualcuno mi avesse detto di focalizzarmi su una sola cosa: se mi fossi concentrato sicuramente sarei andato più veloce.

Siamo una gioventù meravigliosa, piena di risorse e con una grinta invidiabile. Non facciamoci spaventare da niente e da nessuno, perché abbiamo tutte le carte in regola per fare bene ovunque. L’unico consiglio che voglio dare è:

“cercate di dare sempre il massimo in qualunque cosa facciate, perché noi per natura, io in primis, cerchiamo di cullarci o di non dare il meglio di noi stessi in alcune occasioni. Cerchiamo di buttare il cuore oltre l’ostacolo sempre, così che nulla ci sarà precluso.”

Se vuoi scoprire Alteredu puoi dare un’occhiata al nostro sito web.

Ciao! 


Se hai domande per Giuseppe scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger!

Segui Hub Calabria su Facebook, Instagram e LinkedIn

Clicca QUI per leggere altre storie di calabresi nel mondo e in Calabria!

Se anche tu hai una storia da raccontare, scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger.