Articoli

Valentina, una reggina in Australia

Valentina è una ragazza gioviale dagli occhi luminosi, che un anno e mezzo fa ha preso una decisione coraggiosa: lasciare la sua Calabria per raggiungere l’Australia in cerca di nuove opportunità.

Appena rientrata in Italia, a causa dello scadere del visto vuole raccontarci la sua esperienza; una storia, come quella di molti altri giovani migranti, è ricca di momenti emozionanti, ma non sempre facili.

“Lasciare la mia famiglia, la mia terra, è stato veramente difficile. Ma quando vedi che non hai altre possibilità di migliorare la qualità di vita, lavorando per sopravvivere e non per vivere, sei costretta a prendere delle
difficili decisioni, per un futuro migliore. Lasciare la propria casa è doloroso. Ma, pensare alla mia terra, mentre vivevo in Australia, mi ha fatto provare un sentimento inaspettato. Non era nostalgia, ma rabbia.

Rabbia, dovuta alla constatazione di un’amara realtà: ho visto una terra ricca che alle persone offre tanto, anzi troppo. E mi sono chiesta: perché qui sì e nella mia terra no? Perché un luogo come l’Australia debba offrire tanto a chi ci vive e invece la Calabria, e più in generale l’Italia, non lo fa?

Certamente fa tanto anche il modo di pensare. Qui, in Calabria, secondo me, abbiamo una mentalità molto chiusa, mentre in Australia tutto può diventare un’opportunità!

Io ero abituata a lavori poco soddisfacenti e mal retribuiti nella piccola realtà di Reggio Calabria. In Australia vieni pagata non al giorno, ma ad ore. La paga varia in base al lavoro che fai; per legge, il minimo è 18 dollari l’ora. Lavorando in cucina come aiuto cuoco o pasticcera riuscivo a raggiungere uno stipendio ben più alto rispetto a quello che percepivo facendo due lavori a Reggio Calabria. E sottolineo che a Reggio lavoravo tutti i giorni e non avevo tempo libero. In Australia la qualità della vita è decisamente migliore rispetto alla Calabria. E la mentalità è ben diversa”.

Dal racconto vivace che ci fornisce, capiamo che, contrariamente a ciò che ci si può aspettare, non è stato difficile per lei ambientarsi in una terra sconosciuta. Merito della mentalità australiana e dell’accoglienza ricevuta.

“Certamente non è stato difficile ambientarsi in un posto del genere. Sarebbe stato perfetto se la mia famiglia fosse stata con me. Il problema è rientrare in patria e capire che l’Australia è anni più avanti rispetto alla mia città”.

Ovviamente, Valentina prima di partire dall’Italia ha avuto bisogno di consigli su come muoversi:

Andando dall’altra parte del mondo SOLA, dovevo avere un piano prima di partire. Ho scritto e ho chiesto consiglio ad una famiglia italiana che mi ha aiutata nei primi giorni. Ho trovato tantissimi ragazzi nella mia stessa situazione, con tanti dubbi e con tanta voglia di fare amicizia. Si crea un rapporto di complicità con persone di nazionalità diverse, che non hai mai visto. Ci si aiuta a vicenda, senza volere niente in cambio. Questo scambio può sembrare banale, ma vi assicuro che, quando ti trovi da sola e non conosci nessuno, è veramente una manna dal cielo. Dopo sette mesi, mi ha raggiunta mia sorella e abbiamo comprato un Van, una specie di furgoncino (non avevo mai comprato una macchina in Italia!) e abbiamo cominciato la nostra avventura, percorrendo più di 3000 km!”.

“Di questa esperienza in Van sono davvero orgogliosa. Il mio spirito di avventura e una notevole capacità di adattamento mi hanno permesso di fare nuove esperienze e visitare luoghi mai visti prima.”

Le chiediamo se prima di emigrare conoscesse già bene la lingua inglese. Risponde sorridente:

“In realtà, non conoscevo benissimo l’inglese quando sono partita, ma non è stato affatto un problema. Gli australiani sono molto tolleranti e non stanno lì a correggerti di continuo se ti esprimi male in inglese. Diciamo che la lingua è stato l’ultimo dei problemi”.

A questo punto una domanda è d’obbligo: dopo aver affrontato questa avventura consiglieresti ai giovani calabresi di fare esperienza all’estero?

“Assolutamente sì. È importante vedere realtà diverse. Mi ha cambiata questa esperienza. È stata un’avventura bellissima!”.

Valentina si dichiara prontissima a ripartire!

Intervista e articolo di Nadia D’Apa.


Se hai domande per Valentina scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger!

Aiutaci a diffondere il nostro messaggio.
Leggi, commenta e condividi questa e le altre storie sui social 😉

Clicca QUI per leggere altre storie di calabresi nel mondo e in Calabria!

Se anche tu hai una storia da raccontare, scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger.

Gaia giovane musicista calabrese al Berklee College of Music di Boston

Ciao Hub Calabria,
sono Gaia, giovane musicista calabrese al Berklee College of Music di Boston.
Posso dire con certezza che vivere al’estero ti cambia la vita ed apre tantissime porte sia in termini di crescita umana che professionale. Se sono riuscita ad arrivare dove sono, lo devo principalmente all’istruzione ed alla preparazione ricevuta a Reggio Calabria, la mia città.

La mia storia
Sin da bambina ho sempre avuto un interesse spiccato verso la Musica e tutto ciò che era musicale. In quarta elementare, la mia Maestra di allora (Rosalba Scicchitano) un giorno ci diede come compito quello di “musicare una poesia”. Mi divertii tantissimo e forse fu allora che scoccò davvero la scintilla della Musica per me!

Durante le scuole medie ed il liceo, presi lezioni private di chitarra classica ed elettrica, guidata dal mio bravissimo insegnante Marco Ascrizzi.

Sapevo nel profondo che la Musica era il mio destino, così decisi di partecipare ad alcuni programmi estivi promossi dal Berklee College of Music di Boston. Alla fine di uno di questi, nell’estate del 2013, feci un’audizione per il corso di laurea full-time e fui accettata con una borsa di studio totale.

Dopo aver completato gli studi a Catona, divenendo interprete per la lingua Inglese e per quella Francese, mi trasferii a Boston, dove intrapresi il mio percorso di studi che ormai è quasi completo.

Qui al Berklee, sto studiando per conseguire una doppia laurea e mi sto specializzando in “Contemporary Writing & Production” (Produzione e Arrangiamento commerciale) e Performance del Basso Elettrico.

Studiare al Berklee significa essere immersi nella Musica 24 ore su 24, a contatto con una talentuosa comunità proveniente da tutto il mondo ed essere guidati dai migliori istruttori e professionisti del settore.

Ho avuto l’onore di studiare basso con Victor Bailey, Oscar Stagnaro, Fernando Huergo, Steve Bailey, John Patitucci ed Eddie Gomez. Anche se sono ancora una studentessa, ho avuto, inoltre, molte opportunità di lavorare per il College come educatrice/tutor e, recentemente, come bass coach per i Day Sessions Programs, riservati agli studenti più giovani.

Credo che in Calabria, per adesso, sia piuttosto difficile emergere come professionista della musica, nonostante vi siano eccellenze e molto talento.

Credo che se non avessi portato a termine il mio progetto di provare Berklee, avrei forse coltivato la Musica come hobby e proseguito per altre strade, che però non credo mi avrebbero permesso di esprimermi e crescere così tanto, di incontrare persone meravigliose e di imparare tanto sulla vita in generale.

Lasciare la mia terra è stato difficile anche perché significava separarsi dalla mia famiglia e dai miei amici più cari (è stato con alcuni di loro che ho avuto le mie primissime esperienze musicali!). Alla luce di questi grandi sacrifici, voglio vivere la mia passione con ancora più entusiasmo e determinazione. Sono orgogliosa delle mie origini e non vedo l’ora di investire sul mio territorio e dare qualcosa di mio alla mia Calabria, dopo aver ricevuto molto.

Anche se ho deciso di intraprendere questa sfida accademica e professionale all’estero, la mia città natale, Reggio Calabria, resta per me un punto fondamentale di partenza. È qui che ho ricevuto la mia educazione scolastica ed è qui che la mia famiglia e la mia comunità mi hanno insegnato valori e disciplina.

Ma mi piacerebbe che, per Reggio e per la Calabria in generale, si potesse pensare di più ad un “modello circolare”. Non solo un importante punto di partenza ma anche uno di arrivo!

Studiando al Berklee ho acquisito nuove competenze che vorrei poter utilizzare anche in Italia per condividere ciò che ho imparato e – perché no – aiutare altri connazionali a raggiungere i propri obiettivi.

Vorrei
Vorrei che in Calabria si desse maggiore riconoscimento alla professione di Musicista: che si aprissero nuove strade nella programmazione di corsi (Musica d’Insieme, Produzione e Registrazione, Arrangiamento) e che in generale, quella del compositore fosse una posizione più tutelata e realisticamente più possibile.

Per esempio, qui a Berklee, durante o subito dopo la laurea, è possibile conseguire un vero e proprio tirocinio formativo (Internship) nel campo Musicale scelto. Addirittura, alcuni di questi programmi sono retribuiti e spesso sfociano in un colloquio di lavoro o impiego full-time.

Cosa vedo in Calabria
In Calabria io vedo tante possibilità di sviluppo, specie nel settore delle “Librerie Musicali” (database di Musica da utilizzare per promozioni e pubblicità) ed in quello didattico: ai giovani reggini, per esempio, la Musica piace. Molto!

Sono stata onorata di poter dare il mio contributo lavorando per il mio caro amico e collega Gianni Polimeni, direttore della Symphonycity Music School che, sebbene in attività da pochi anni, ha già un gran numero di allievi e importanti collaborazioni alle spalle (Mike Stern, Alain Caron, Paolo Patrignani).

Ho sempre pensato che ciò che si impara ha un valore aggiunto quando lo si condivide con gli altri.

Lavorando al College come tutor per le materie “core” (Solfeggio, Contrappunto, Armonia Jazz e Tonale, Arrangiamento e Direzione) ho capito che le tue abilità e conoscenze diventano ancora più efficaci quando anche l’altro può usufruirne ed insieme si possono costruire nuovi scenari più creativi e dinamici. A tal proposito, mi piacerebbe molto creare un ponte di comunicazione tra Boston e la Calabria. Ma credo che questo sia un progetto che non posso completare da sola.

Ai giovani calabresi dico
Pretendete di più dalla vostra vita. Sognate. Ma accompagnate questi sogni con azioni. Fissate un obiettivo. Fatelo in grande. Scegliete quello che vi fa stare svegli nottate intere, che vi fa scordare del pranzo tanto ci siete dentro e poi “rompetelo”. Rompetelo in dieci, cento, mille piccoli obiettivi, progressivi, strutturati e allineati sempre con quello originale. Scrivete un piano delle vostre azioni e conseguitele giornalmente! Se fallite, ritentate. Lavorate sodo e riprovate. Ve lo meritate. Non abbiate paura di essere un po’ “diversi”. E poi, leggete tanto (Virgilio e Catullo sono i miei preferiti). Ascoltate tantissimo Bach e Debussy e poi fatevi e fate domande. Chiedetevi come sono nate le loro grandi opere. Partite per il vostro personalissimo viaggio alla ricerca del nesso nell’Arte. Non spaventatevi di osare un confronto, anche il più strano. Trovate Dante in Brizzi, in Zerocalcare. Cercate Mozart nei Soundgarden, nei Rush. Suonate. Sempre! La Musica, sia che vi scelga per la vita o anche solo per qualche ora alla settimana, fa così tanto bene all’anima e soprattutto fa bene a quelli con cui la condividerete! La Musica unisce e apre nuovi orizzonti. Vi aiuterà a trovare il vostro personalissimo modo di raccontare la vostra vita, di accedere a sensazioni e sentimenti che non si possono descrivere a parole.

Infine,

“amate la Calabria, la nostra bellissima terra ed abbiatene sempre cura. E se deciderete di iniziare un cammino verso il futuro lontano da lei, portatela comunque sempre nel cuore e donatele qualcosa di vostro. Pur nelle sue contraddizioni, la Calabria è una terra unica ed io credo che voglia crescere, insieme a tutti i suoi figli!”

 

Per voi ho scritto un approfondimento sul Berklee College, dove troverete molte info utili e suggerimenti per gli aspiranti musicisti. Ecco il Link –>> BERKLEE


Se hai domande per Gaia scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger!

Clicca QUI per leggere altre storie di calabresi nel mondo e in Calabria!

Se anche tu hai una storia da raccontare, scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger.
Leggi, commenta e condividi questa e le altre storie sui social 😉

Spartaco, la sua ultima battaglia e il tesoro nascosto

Molti avranno conosciuto la storia di questo gladiatore ribelle grazie ai film.
Negli ultimi tempi, ha avuto grande successo la serie televisiva statunitense Spartacus, nel quale l’eroe trace è interpretato prima da Andy Whitfield e, dopo la prematura morte di questi, da Liam McIntyre. Pochi sanno però che la vicenda turbolenta di questo personaggio storico si intreccia con quella della Calabria.

Spartaco era un gladiatore trace, passato alla storia per aver capeggiato la terza guerra servile che causò non pochi problemi all’antico impero di Roma.
Un eroe la cui storia è intrisa di sangue. Reclamando la libertà dalla schiavitù riuscì a formare un numeroso esercito che guidò lungo la penisola italiana fino a raggiungere le terre dell’attuale Calabria.

La vicenda personale di Spartaco è stata più volte ricostruita dagli storici, tuttavia permangono alcuni elementi incerti. La versione più diffusa, lo vuole all’origine un condottiero, nato in Tracia nel territorio dell’attuale Bulgaria, attorno al 110 a. C., che si è unito all’esercito di Roma. A causa della sua diserzione, venne catturato e condannato alla schiavitù. Acquistato da Lentulo Batiato, di professione lanista, cioè proprietario di una palestra per l’addestramento di gladiatori a Capua, iniziò la carriera di gladiatore. Ma era pur sempre uno schiavo e, nel 73 a. C., decise di ribellarsi a questa condizione penosa fuggendo dall’anfiteatro insieme ad altri gladiatori.
Al primo nucleo di ribelli se ne unirono ben presto altri, così che la rivolta assunse dimensioni preoccupanti per la Repubblica, passando alla storia come la più impegnativa delle guerre servili che Roma dovette combattere.

I ribelli guidati da Spartaco condussero all’inizio la loro lotta in Campania per poi spostarsi verso settentrione e ottenendo numerose vittorie. Per ragioni non molto chiare, anziché proseguire oltralpe, ad un certo punto si volsero verso sud. Mentre un manipolo di rivoltosi, che si era staccato dall’accorpamento principale, era stato sconfitto nel territorio dell’attuale Puglia, Spartaco e gli altri giunsero in Calabria. Qui si consumò uno dei più sanguinosi combattimenti dell’antichità.

Era il 71 a. C., quando Marco Licinio Crasso, politico e comandante militare della Repubblica, ricevette l’incarico di sconfiggere l’esercito di Spartaco. Crasso e le sue legioni ottennero molte vittorie, costringendo i nemici a spingersi a sud, fino allo Stretto di Messina. Pare che a questo punto i ribelli abbiano tentato invano la fuga verso la Sicilia. Si ritirarono allora verso Rhegium (attuale Reggio Calabria), ma furono ben presto sotto assedio. Spartaco tentò dunque di negoziare con Crasso, ben consapevole che a breve sarebbero arrivati i rinforzi dell’esercito romano. Le trattative fallirono e allora Spartaco ruppe l’assedio delle forze di Crasso e si ritirò verso Petelia (attuale Strongoli, in provincia di Crotone) rifugiandosi sui monti. Qui, fu combattuta la battaglia decisiva. Secondo alcuni storici, Spartaco trovò la morte proprio nel territorio di Petelia, mentre altri sostengono che, riuscendo a fuggire, morì nel Cilento, nei pressi del fiume Sele. La maggior parte dei suoi compagni furono crocifissi lungo la via Appia, tra Roma e Capua.

Leggenda vuole che durante il passaggio di Spartaco venne nascosto un meraviglioso tesoro presso l’attuale Palmi, in provincia di Reggio Calabria. Chi sa se ancora sia custodito in un luogo segreto e remoto, in attesa di essere ritrovato…


Nella foto in alto Statua di Spartaco, opera di Denis Foyatier, (1830), Museo del Louvre, Parigi.
Prima foto a sinistra-Statua ritraente Spartaco, Sandanski, Bulgaria.
Seconda foto-Il mosaico del gladiatore, Galleria Borghese, Roma.

Scritto da Nadia D’Apa