Articoli

Valentina, una reggina in Australia

Valentina è una ragazza gioviale dagli occhi luminosi, che un anno e mezzo fa ha preso una decisione coraggiosa: lasciare la sua Calabria per raggiungere l’Australia in cerca di nuove opportunità.

Appena rientrata in Italia, a causa dello scadere del visto vuole raccontarci la sua esperienza; una storia, come quella di molti altri giovani migranti, è ricca di momenti emozionanti, ma non sempre facili.

“Lasciare la mia famiglia, la mia terra, è stato veramente difficile. Ma quando vedi che non hai altre possibilità di migliorare la qualità di vita, lavorando per sopravvivere e non per vivere, sei costretta a prendere delle
difficili decisioni, per un futuro migliore. Lasciare la propria casa è doloroso. Ma, pensare alla mia terra, mentre vivevo in Australia, mi ha fatto provare un sentimento inaspettato. Non era nostalgia, ma rabbia.

Rabbia, dovuta alla constatazione di un’amara realtà: ho visto una terra ricca che alle persone offre tanto, anzi troppo. E mi sono chiesta: perché qui sì e nella mia terra no? Perché un luogo come l’Australia debba offrire tanto a chi ci vive e invece la Calabria, e più in generale l’Italia, non lo fa?

Certamente fa tanto anche il modo di pensare. Qui, in Calabria, secondo me, abbiamo una mentalità molto chiusa, mentre in Australia tutto può diventare un’opportunità!

Io ero abituata a lavori poco soddisfacenti e mal retribuiti nella piccola realtà di Reggio Calabria. In Australia vieni pagata non al giorno, ma ad ore. La paga varia in base al lavoro che fai; per legge, il minimo è 18 dollari l’ora. Lavorando in cucina come aiuto cuoco o pasticcera riuscivo a raggiungere uno stipendio ben più alto rispetto a quello che percepivo facendo due lavori a Reggio Calabria. E sottolineo che a Reggio lavoravo tutti i giorni e non avevo tempo libero. In Australia la qualità della vita è decisamente migliore rispetto alla Calabria. E la mentalità è ben diversa”.

Dal racconto vivace che ci fornisce, capiamo che, contrariamente a ciò che ci si può aspettare, non è stato difficile per lei ambientarsi in una terra sconosciuta. Merito della mentalità australiana e dell’accoglienza ricevuta.

“Certamente non è stato difficile ambientarsi in un posto del genere. Sarebbe stato perfetto se la mia famiglia fosse stata con me. Il problema è rientrare in patria e capire che l’Australia è anni più avanti rispetto alla mia città”.

Ovviamente, Valentina prima di partire dall’Italia ha avuto bisogno di consigli su come muoversi:

Andando dall’altra parte del mondo SOLA, dovevo avere un piano prima di partire. Ho scritto e ho chiesto consiglio ad una famiglia italiana che mi ha aiutata nei primi giorni. Ho trovato tantissimi ragazzi nella mia stessa situazione, con tanti dubbi e con tanta voglia di fare amicizia. Si crea un rapporto di complicità con persone di nazionalità diverse, che non hai mai visto. Ci si aiuta a vicenda, senza volere niente in cambio. Questo scambio può sembrare banale, ma vi assicuro che, quando ti trovi da sola e non conosci nessuno, è veramente una manna dal cielo. Dopo sette mesi, mi ha raggiunta mia sorella e abbiamo comprato un Van, una specie di furgoncino (non avevo mai comprato una macchina in Italia!) e abbiamo cominciato la nostra avventura, percorrendo più di 3000 km!”.

“Di questa esperienza in Van sono davvero orgogliosa. Il mio spirito di avventura e una notevole capacità di adattamento mi hanno permesso di fare nuove esperienze e visitare luoghi mai visti prima.”

Le chiediamo se prima di emigrare conoscesse già bene la lingua inglese. Risponde sorridente:

“In realtà, non conoscevo benissimo l’inglese quando sono partita, ma non è stato affatto un problema. Gli australiani sono molto tolleranti e non stanno lì a correggerti di continuo se ti esprimi male in inglese. Diciamo che la lingua è stato l’ultimo dei problemi”.

A questo punto una domanda è d’obbligo: dopo aver affrontato questa avventura consiglieresti ai giovani calabresi di fare esperienza all’estero?

“Assolutamente sì. È importante vedere realtà diverse. Mi ha cambiata questa esperienza. È stata un’avventura bellissima!”.

Valentina si dichiara prontissima a ripartire!

Intervista e articolo di Nadia D’Apa.


Se hai domande per Valentina scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger!

Aiutaci a diffondere il nostro messaggio.
Leggi, commenta e condividi questa e le altre storie sui social 😉

Clicca QUI per leggere altre storie di calabresi nel mondo e in Calabria!

Se anche tu hai una storia da raccontare, scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger.

Giovanni, il vlogger Calabrese in oriente Giappone

Salve a tutti,
mi chiamo Giovanni, sono nato a Praia a Mare (CS) ed ho vissuto dall’età di 10 anni a Tortora Marina (CS).

Nel 2011 sono partito per l’Australia, avevo 25 anni. Ho richiesto un visto work and holiday visa (WHV) tramite il sito del governo australiano www.immi.gov.au, il quale permette di rimanere in Australia per un anno (con dei rinnovi si può aumentare il periodo) e che in seguito ho rinnovato per un altro anno, per poi richiedere un visto di studio di un anno e mezzo. Sono partito con l’idea di fare una nuova esperienza e poi sono rimasto per circa 3 anni e mezzo.

Nel corso di questo periodo passato in Australia ho incontrato una ragazza giapponese, quella che oggi è diventata mia moglie. Verso la metà del 2013 ho deciso di raggiungerla in Giappone, così ho cominciato tutta la procedura di immigrazione per richiedere un visto di studio. Con il suo aiuto, dopo 5 mesi, sono riuscito ad ottenere tutti permessi per un anno. In pratica, ho fatto domanda diretta alla scuola di lingua giapponese e ho richiesto il visto per un anno di studio. Molte info sui visti le trovate sul sito dell’Ambasciata italiana a Tokyo e sul sito del Dipartimento Immigrazione del Giappone.

Così, ho lasciato l’Australia per ricominciare una nuova vita in Giappone. Ad oggi sono 3 anni e mezzo che vivo qui, lavoro in una fabbrica di dolci e ho una vita tranquilla e felice.

Fare un’esperienza all’estero è una cosa che dovrebbero fare tutti i giovani, usufruire di un visto come quello australiano rende possibile questa opportunità.

Il Giappone è un bellissimo paese pieno di curiosità e contraddizioni, una società molto diversa dalla nostra. Bisogna partire con l’idea che il Giappone non è proprio come negli anime o nei manga, perché se no si rischia poi di rimanere delusi. Il sistema di immigrazione è diverso da quello italiano, molto più complesso e pieno di regole. Per esempio, solo sposarsi non dà nessun diritto a vivere in questo paese ma bisogna fare una specifica richiesta e possedere determinati requisiti.

Quello che consiglio ai giovani è viaggiare, fare esperienze, imparare una o più lingue estere (inglese almeno). Vi garantisco che vi si aprirà un mondo nuovo, pieno di opportunità.

Per chi ama il Giappone, vi dico di studiare la lingua e trascorrere un periodo nel paese con i visti di studio prima di venire qui a viverci. La diversità del paese potrebbe non piacervi, ma sopratutto dovete capire se fa per voi, al di là del proprio desiderio.

Seguite il mio canale YouTube Calabrese in oriente Giappone, qui vi mostro la mia vita parlandovi dei vari aspetti di questo fantastico paese.

Le mie radici non le dimentico, ma ormai la mia vita è altrove. Torno per far visita ai miei genitori e per godermi la cucina e il mare calabrese.

“In Calabria bisogna investire sui trasporti, rendere più accessibili gli aeroporti. Abbiamo tanto da dare ma combattiamo con un sistema antiquato. Mia moglie dice sempre che i giapponesi si innamorerebbero della Calabria se fosse più accessibile.”

 


Se hai domande per Giovanni scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger!

Aiutaci a diffondere il nostro messaggio.
Leggi, commenta e condividi questa e le altre storie sui social 😉   

Clicca QUI per leggere altre storie di calabresi nel mondo e in Calabria!

Se anche tu hai una storia da raccontare, scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger.