Miriam torna in Calabria e realizza un sogno di Seta

Mi chiamo Miriam Pugliese, ho 29 anni e sono originaria di San Floro.

San Floro è un paese di 600 anime in provincia di Catanzaro. Con i miei genitori emigriamo a Gallarate (VA) poco dopo la mia nascita. Conseguo il diploma e per un po’ lavoro a Malpensa come hostess ma, qualche anno dopo, c’è aria di crisi e di licenziamenti. Così, zaino in spalla e senza nessun appoggio, mi trasferisco in Germania, a Berlino.

Lavoretti, corsi di lingua in una città aperta e multietnica, ma il cuore va alla Calabria che grazie a questa esperienza riesco a vedere con occhi diversi, apprezzandone appieno le sue potenzialità e provando una forte nostalgia per la bellezza del paesaggio e l’umanità dei suoi abitanti.

Trovo un alleato in Domenico Vivino, anche lui di San Floro che vive a Napoli. Progettiamo di recuperare l’allevamento dei bachi e la produzione di seta, che tra il 1300 e il 1700 aveva portato Catanzaro a diventare la capitale europea della seta.

Con quel chiodo fisso, resisto un anno a Milano, nell’ufficio commerciale estero di una multinazionale, ma non dura molto, mi licenzio e torno a San Floro.

L’opportunità
Ci sono 5 ettari di proprietà del Comune, più di tremila gelsi e un museo della seta, in un castello, tutti da recuperare.

Nel 2014, con Domenico e un’altra socia, Giovanna Bagnato, artista e amica d’infanzia, fondiamo una cooperativa, Nido di Seta.

La gente non crede in noi, ci dicono tutti che siamo pazzi. Nel frattempo, pressing al Comune, i risparmi si dissolvono, ma noi andiamo avanti. Alla fine, ci facciamo apprezzare.

Sulla nostra seta si inginocchia il Papa, in migliaia tra scuole e turisti da tutto il mondo accorrono ogni anno per vivere un’esperienza avvolta nella seta riscoprendo la bachicoltura.

La cooperativa punta sulla multifunzionalità: agricoltura, ma anche artigianato e accoglienza. I prodotti variano dalle confetture di more, a monili di seta, a stoffe e perfino abiti da sposa. Siccome la domanda è alta abbiamo creato una rete di artigiani sul territorio calabrese che collaborano con noi alla creazione dei tessuti serici costruendo una filiera artigianale serica 100% made in Calabria.

foto di Miriam Pugliese.

La nostra ottica è tutta green: per la corrente elettrica ci serviamo esclusivamente di pannelli fotovoltaici autonomi, il nostro gelseto è certificato bio, le tinture dei nostri filati e tessuti sono 100% naturali e del nostro territorio.

Ho una speranza: che altri giovani possano tornare a valorizzare e a prendersi cura della nostra terra, poiché siamo seduti su una miniera d’oro su cui quotidianamente sputiamo sopra.

“Bisogna guardare il territorio con occhi diversi per apprezzarne l’unicità e le immense risorse che quotidianamente sottovalutiamo”.

In futuro inoltre, vorremmo creare un’accademia, una “scuola dell’antico mestiere”, per insegnare “le conoscenze perdute” e trasmettere questa passione alle nuove generazioni.


Se hai domande per Miriam scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger!

Aiutaci a diffondere il nostro messaggio.
Leggi, commenta e condividi questa e le altre storie sui social 😉

Clicca QUI per leggere altre storie di calabresi nel mondo e in Calabria!

Se anche tu hai una storia da raccontare, scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger.