Giovanni, il vlogger Calabrese in oriente Giappone

Salve a tutti,
mi chiamo Giovanni, sono nato a Praia a Mare (CS) ed ho vissuto dall’età di 10 anni a Tortora Marina (CS).

Nel 2011 sono partito per l’Australia, avevo 25 anni. Ho richiesto un visto work and holiday visa (WHV) tramite il sito del governo australiano www.immi.gov.au, il quale permette di rimanere in Australia per un anno (con dei rinnovi si può aumentare il periodo) e che in seguito ho rinnovato per un altro anno, per poi richiedere un visto di studio di un anno e mezzo. Sono partito con l’idea di fare una nuova esperienza e poi sono rimasto per circa 3 anni e mezzo.

Nel corso di questo periodo passato in Australia ho incontrato una ragazza giapponese, quella che oggi è diventata mia moglie. Verso la metà del 2013 ho deciso di raggiungerla in Giappone, così ho cominciato tutta la procedura di immigrazione per richiedere un visto di studio. Con il suo aiuto, dopo 5 mesi, sono riuscito ad ottenere tutti permessi per un anno. In pratica, ho fatto domanda diretta alla scuola di lingua giapponese e ho richiesto il visto per un anno di studio. Molte info sui visti le trovate sul sito dell’Ambasciata italiana a Tokyo e sul sito del Dipartimento Immigrazione del Giappone.

Così, ho lasciato l’Australia per ricominciare una nuova vita in Giappone. Ad oggi sono 3 anni e mezzo che vivo qui, lavoro in una fabbrica di dolci e ho una vita tranquilla e felice.

Fare un’esperienza all’estero è una cosa che dovrebbero fare tutti i giovani, usufruire di un visto come quello australiano rende possibile questa opportunità.

Il Giappone è un bellissimo paese pieno di curiosità e contraddizioni, una società molto diversa dalla nostra. Bisogna partire con l’idea che il Giappone non è proprio come negli anime o nei manga, perché se no si rischia poi di rimanere delusi. Il sistema di immigrazione è diverso da quello italiano, molto più complesso e pieno di regole. Per esempio, solo sposarsi non dà nessun diritto a vivere in questo paese ma bisogna fare una specifica richiesta e possedere determinati requisiti.

Quello che consiglio ai giovani è viaggiare, fare esperienze, imparare una o più lingue estere (inglese almeno). Vi garantisco che vi si aprirà un mondo nuovo, pieno di opportunità.

Per chi ama il Giappone, vi dico di studiare la lingua e trascorrere un periodo nel paese con i visti di studio prima di venire qui a viverci. La diversità del paese potrebbe non piacervi, ma sopratutto dovete capire se fa per voi, al di là del proprio desiderio.

Seguite il mio canale YouTube Calabrese in oriente Giappone, qui vi mostro la mia vita parlandovi dei vari aspetti di questo fantastico paese.

Le mie radici non le dimentico, ma ormai la mia vita è altrove. Torno per far visita ai miei genitori e per godermi la cucina e il mare calabrese.

“In Calabria bisogna investire sui trasporti, rendere più accessibili gli aeroporti. Abbiamo tanto da dare ma combattiamo con un sistema antiquato. Mia moglie dice sempre che i giapponesi si innamorerebbero della Calabria se fosse più accessibile.”

 


Se hai domande per Giovanni scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger!

Aiutaci a diffondere il nostro messaggio.
Leggi, commenta e condividi questa e le altre storie sui social 😉   

Clicca QUI per leggere altre storie di calabresi nel mondo e in Calabria!

Se anche tu hai una storia da raccontare, scrivi una email ad hubcalabria@gmail.com o contattaci su Messenger.